Privacy Policy>

Il Segreto dei Cantanti Lirici


Sarebbe bello, se ci fosse un segreto per diventare cantanti lirici. Perché vorrebbe dire che c'è una specie di 'trucco' per ottenere risultati senza studiare, senza sapere leggere la musica, senza dedicare tempo e impegno: dall'oggi al domani, insomma.
Ovviamente e purtroppo, il 'trucco' non esiste.
Ma possiamo lo stesso dare qualche indicazione molto importante per chi vuole studiare e diventare cantante lirico.

Quali sono le cose più importanti per un cantante lirico? La bella voce, l'estensione, il volume? Tutto questo è davvero molto importante.
Ma c'è ancora una cosa, quella davvero fondamentale: possedere una tecnica vocale che permetta di affrontare tutti i ruoli adatti alla propria voce, nel modo migliore possibile e soprattutto senza affaticarsi. Posso avere la voce più bella del mondo, ma se dopo dieci minuti sono stanco non potrò mai cantare un'Opera intera, o un intero concerto. E quindi non sarò mai un vero cantante lirico.
Inoltre, se mi stanco, allora vuol dire che la mia voce sarà forzata, irregolare, 'gridata', e al pubblico non piace sentire gridare. Il pubblico vuole che io canti in maniera potente, se necessario, ma sempre in modo  armonioso e senza sforzo.
Bene,
la tecnica che permette di non affaticare la propria voce è anche quella che permette di ottenere il miglior timbro, la migliore estensione, il migliore volume. È la tecnica che permette alla voce di ognuno di noi di svilupparsi  e dare i migliori risultati possibili.

È una tecnica basata innanzitutto sul rilassamento e sull'eliminazione delle tensioni muscolari, che sono le responsabili della maggior parte dei difetti di ogni cantante. Mentre eliminiamo le tensioni, la nostra voce diventerà più libera e la sua estensione aumenterà automaticamente. 

Le tensioni muscolari riducono anche l'ampiezza della nostra cassa di risonanza, e quindi - se noi riusciamo a eliminare le tensioni - la nostra voce acquisterà volume senza sforzo.
Inoltre, senza tensioni tutto il nostro corpo funziona meglio, e questo naturalmente vale per qualunque attività, non solo per il canto. Anche il fiato in questo modo potrà dare il suo indispensabile apporto alla nostra voce senza essere costretti a 'spingere' e a sforzarsi. 

Questa tecnica non è altro che la tecnica che hanno utilizzato e utilizzano i grandi cantanti protagonisti nei teatri di tutto il mondo, con le loro voci potenti ma mai gridate, espressive e timbrate. Possono esserci alcune differenze personali, perché nessuno di noi è uguale a tutti gli altri, ma i principi generali sono gli stessi: assenza di sforzo e sviluppo armonico della voce. Quello che un tempo era definito 'cantare sul fiato', e che è la cosa assolutamente fondamentale per ogni cantante.

Questa tecnica si può cercare di insegnare in molti modi. Per esempio, ci si può affidare a delle frasi preconfezionate come 'usa la maschera', 'devi sbadigliare', 'pensa basso quando vai in alto', 'il giro del suono', 'sostieni e appoggia' e altre ancora molto più fantasiose come 'vomita il suono' o 'pensa di avere un filo nella testa' (!).
Secondo la mia opinione,  tutto questo è molto vago e rischia di non dare all'allievo le informazioni di cui ha bisogno per poter migliorare.

Io credo che sia meglio spiegare all'allievo di canto che cosa succede davvero a livello fisiologico quando canta, in termini reali e concreti, verificabili, in modo che capisca perché una cosa è meglio di un'altra, perché un certo modo di cantare non darà buoni risultati (e magari farà perdere la voce) e invece un altro svilupperà tutto il meglio della propria voce. Certo, non si tratta di fargli prendere una laurea in medicina, ma molte cose si possono spiegare e comprendere senza essere dei medici. 

Fatto questo, bisognerà trovare gli esercizi specifici (i vocalizzi) che permetteranno alla voce di svilupparsi, sempre tenendo conto che ogni tensione e ogni sforzo sono nemici del canto. Questi esercizi possono essere molto diversi per uno studente o per l'altro, perché ognuno ha i propri punti di forza e i propri difetti. Ogni mio allievo di canto lirico, quindi, si eserciterà con vocalizzi pensati appositamente per aiutarlo a risolvere i suoi problemi vocali. 

In questo modo, la voce si svilupperà velocemente e si potrà cominciare a esercitarsi sui brani del proprio repertorio.

Valter Carignano


Privacy Policy